Il supporto degli operatori socio educativi (OSE)

Il supporto degli operatori socio educativi (OSE)

L'operatore Socio educativo finalizza l'assistenza all’autonomia dell’alunno con Handicap ai fini della completa integrazione scolastica.
Collabora in aula ed in laboratori con l’insegnante nello svolgimento ed il funzionamento delle attività formativo didattiche e nel supporto funzionale ma anche in quello relazionale, atte a facilitare la comunicazione e l’integrazione. Collabora con i docenti ed il personale scolastico nello svolgimento della didattica facilitando la partecipazione dello studente a tutte le attività scolastiche ricreative e formative.

Per l'anno scolastico 2018/2019, Città Metropolitana di Genova eroga a 347 studenti metropolitani servizi di assistenza personalizzata tramite intervento di operatori socio educativi - OSE (per circa 2000 ore di assistenza a settimana).

Possono fruire del servizio gli studenti che abbiano tutti i seguenti requisiti:

  • certificati in disabilità grave ai sensi della legge 104 articolo 3 comma 3;
  • regolarmente iscritti e frequentanti una scuola secondaria superiore o un percorso di istruzione e formazione professionale;
  • siano stati oggetto di una richiesta specifica di necessità di trasporto dal sanitario della ASL o di un centro accreditato;
  • siano accompagnati da una scheda di rilevazione redatta dalla scuola che descrive il piano formativo specifico predisposto per lo studente.

Per la programmazione delle attività , ogni anno:
1) nel mese di aprile, i sanitari di riferimento inviano a Città metropolitana le schede sanitarie di segnalazione degli studenti per i quali si richiede il servizio.
2) nel mese di maggio gli Istituti superiori inviano le schede di rilevazione contenenti una sintesi del PEI (Piano Educativo Individuale) e la richiesta del bisogno di assistenza educativa.

Tra giugno e luglio di ogni anno vengono analizzate tutte le schede pervenute e Città metropolitana incontra i docenti referenti per l'handicap delle scuole secondarie con studenti in gravità, per approfondire la situazione di ogni caso e definire il monte di ore assegnato. Le scuole rimangono in contatto con l'ufficio per tutto l'anno scolastico e l'assegnazione può essere variata in base alle circostanze (ridotta perché lo studente ha un processo di maturazione per cui acquisisce maggiore autonomia ed indipendenza, incrementata perché in seguito ad un evento negativo si riscontra una fase maggiormente critica dello studente).
Città metropolitana assegna uno stanziamento alle scuole che provvedono all'acquisizione del servizio nel limiti concordati provvedendo a rimborsare le spese sostenute nel cosro dell'anno scolastico.