Biblioteca di Borzonasca - "Giacomo Devoto"

Esterno biblioteca
Gestione biblioteca: 
comunale
Referente amministrativo: 
Rita Deshmann
Referente di biblioteca: 
Miriam Ginocchio
Telefono: 
0185 340205

Sezioni

  • bambini e ragazzi
  • moderna

Servizi

  • corsi e tempo libero
  • lettura in sede
  • prenotazione prestito
  • prestito a domicilio
  • prestito gratuito
  • prestito inter-bibliotecario
  • prestito intersistemico
Note a servizi: 

Biblioteca comunale "Giacomo Devoto"

Piazza Severino 1 - 16041 Borzonasca
Referente di sede: Miriam Ginocchio
Telefono:
0185 340205

Accessibilità:

Accessibile agli utenti con disabilità fisica.

Chiuso per allerta: ROSSA

Orario:

mattinopomeriggio
Lunedìchiusochiuso
Martedìchiusochiuso
Mercoledìchiusochiuso
Giovedìchiusochiuso
Venerdìchiusochiuso
Sabato9.30-11.00chiuso

Gallery

Esterno biblioteca
Ingresso biblioteca
Sala narrativa e letteratura
Scorcio Sala Bambini/Ragazzi
Sala Bambini/Ragazzi
Giacomo Devoto
Note: 

La biblioteca è intitolata a Giacomo Devoto (Genova, 19 luglio 1897 – Firenze, 25 dicembre 1974) che è stato un glottologo e linguista italiano, tra i massimi esponenti di questa disciplina nel Novecento.
Era figlio del clinico e patologo Luigi Devoto (1864-1936) e fratello dell'industriale Giovanni (1903-1944).
Nel 1939 fondò con Bruno Migliorini la rivista “Lingua Nostra”.
Nel gennaio 1945, subito dopo la Liberazione, fondò a Firenze insieme a Piero Calamandrei, Corrado Tumiati, Enzo Enriques Agnoletti e Paride Baccarini l’AFE: Associazione Federalisti Europei, confluendo poi nel Movimento Federalista Europeo fondato da Altiero Spinelli, in cui ebbe negli anni 1947-1948 un ruolo di primo piano.
Ricevette svariate lauree "honoris causa" dalle Università di Parigi, Basilea, Strasburgo, Berlino (Humboldt), Cracovia, Zagabria e Lima.
Fu presidente dell' Accademia della Crusca a partire dal dicembre 1963, Accademico di Danimarca e Finlandia, Emerito di Glottologia e Rettore dell’Università di Firenze.
Fu inoltre autore con Gian Carlo Oli del “Vocabolario illustrato della lingua italiana” e del “Vocabolario della lingua italiana” della Le Monnier curato, a partire dall'edizione del 2004, da Luca Serianni e Maurizio Trifone..
Fu infine uno dei massimi esperti a livello internazionale di linguistica indoeuropea.
Morì a Firenze il 25 dicembre 1974 e venne sepolto nel cimitero di Borzonasca, città di origine della sua famiglia.

Piazza Severino 1 - Borzonasca